5 cose da sapere per guadagnare con i videogiochi

5 cose da sapere per guadagnare con i videogiochi-800x400
   
    

5 cose da sapere per guadagnare con i videogiochi BEST5.IT 2016-12-03 21:53:25
User Rating: 4.5 (1 votes)

Bisogna metterci tanto impegno, tanta passione e un pizzico di follia ma vivere di videogiochi è un sogno che può diventare realtà!

Se il nostro obiettivo consiste nel fare soldi stando comodamente seduti davanti al computer esistono servizi online che consentono di trasmettere in diretta le nostre partite, avere pubblico pagante e persino conquistare delle sponsorizzazioni.

Attualmente, i servizi per la condivisione online delle sessioni di gioco più diffusi e utilizzati dai videogiocatori professionisti sono quelli di Youtube, www.youtube.com, e Twitch, www.twitch.tv.

Il motivo del loro successo è presto detto: raggiunta una certa soglia, pagano direttamente gli utenti che realizzano gli ascolti migliori!

Non si tratta di cifre enormi, ma se si aggiunge la possibilità di ricevere donazioni e di vendere spazi pubblicitari, rappresentano comunque un guadagno mensile più che soddisfacente.

La trasmissione in diretta di qualsiasi tipo di contenuti viene indicata con l’espressione live streaming. Sia Youtube sia Twich offrono servizi di live streaming online che consentono a chi li realizza, il broadcaster, di mandare in onda su Internet tutto ciò che avviene sul computer.

Il broadcaster, quindi, è l’utente del servizio che crea i contenuti e li diffonde mentre i follower sono i telespettatori che decidono di pagare una quota mensile per sovvenzionare il canale più interessante, originale o divertente.

Gli spettatori che, invece, pur seguendo il canale, non lo sponsorizzano tramite donazioni sono dei semplici viewer. Guardano e basta. Queste definizioni valgono in generale, ma si applicano perfettamente al mondo dei videogiochi.

Cosa ci serve? Per trasformarsi in broadcaster ci servono innanzitutto un buon computer e una connessione a Internet ad alta velocità. Sono indispensabili.

LEGGI  In vacanza con l' iPhone: 5 app specifiche per le nostre vacanze

Poi naturalmente bisogna essere dei validi giocatori e soprattutto avere la capacità di attirare l’attenzione dei possibili follower con tattiche che gli altri non conoscono, offrendo consigli e suggerimenti. Ecco come fare!

1. Puntare all'estero.. L'Italia non è pronta!

Puntare all'estero-300x180

Siamo realmente sicuri che il nostro modo di giocare saprà conquistare il grande pubblico?

Potrebbe accadere, ma solo se sapremo scegliere i destinatari delle nostre sezioni di gioco con grande attenzione.

Prima di fare troppo affidamento sull'eventuale diffusione del nostro canale online, sia che si tratti di YouTube sia di Twitch, occorre fare i conti con le abitudini dei giocatori italiani.

Perché pagare quando si può avere gratis? Nel nostro Paese, inutile nasconderlo, sono molto poche le persone disponibili a regalarci dei soldi solo perché ci trovano simpatici o perché riusciamo a battere qualsiasi avversario.

All'estero invece e soprattutto in America, sono diffusissime queste forme di ricompensa e ci sono molti utenti disponibili a investire piccole somme di denaro pur di vedere il proprio campione all'opera.

La soluzione più semplice quindi, prevede un corso intensivo di inglese e la realizzazione di un canale destinato esplicitamente a un pubblico internazionale.

Interagire con i possibili finanziatori durante le sessioni di gioco è fondamentale per conquistare la loro fiducia e per creare un clima di condivisione riassumibile nel motto: "lo gioco, ma grazie ai tuoi soldi tu vinci".

Senza una buona conoscenza della lingua inglese, diventa molto difficile poter arrivare al cuore di un mercato che vede oltreoceano il proprio punto di riferimento principale.

Altro valido motivo per puntare subito all'estero è rappresentato dalla vastità del potenziale pubblico. Da noi, questa filosofia di gioco è appena arrivata e ci vorrà un po' di tempo prima che venga recepita. Nel mondo anglosassone invece è un fenomeno già affermato.

2. Conoscere i requisiti e affiliarsi a YouTube

Conoscere i requisiti affiliarsi a YouTube-300x180

Con YouTube per poter trasmettere i nostri filmati e le sessioni di gioco in diretta dobbiamo prima entrare a far parte del Programma Partner.

Purtroppo, però, non è una condizione che si può acquisire con una semplice richiesta: prima è necessario soddisfare una lunga serie di requisiti.

Condizione fondamentale per chiunque desideri diventare un Partner è quella di avere già un canale video attivo che non abbia mai violato le norme sul copyright pubblicando materiale protetto dai diritti d'autore.

Inoltre, i video già disponibili devono mostrare dei contenuti apprezzati dagli inserzionisti, secondo una serie di parametri elencati sul sito di Youtube.

Ma non basta: per le trasmissioni sui videogiochi, bisogna sottoscrivere una convenzione che varia in base alla nazione da cui si trasmette.

Quanto si guadagna? YouTube paga, in dollari, in base alla quantità di visualizzazioni. Il guadagno medio per 1.000 viewer varia da 5 a 7 dollari in base ai costi degli inserzionisti.

3. Regolare audio e video per filmati perfetti

Regolare audio e video per filmati perfetti-300x180

Dopo essere entrati nel Programma Partner, possiamo accedere alle funzioni di trasmissione in diretta tramite la creazione di una nuova pagina.

Dal momento in cui ci verrà confermato il live streaming all'avvio della trasmissione, sono necessari circa 90 secondi ma il consiglio è quello di prendersi qualche minuto in più di tempo per approfittare del Pannello di configurazione fornito da Youtube.

All'Interno del Pannello di configurazione sono disponibili, fra i vari strumenti di lavoro, anche quelli per la verifica delle impostazioni audio e video più adatte ai contenuti che stiamo per diffondere.

Possiamo effettuare test sui volumi del microfono e controllare la qualità dei settaggi della webcam che ci riprenderà mentre stiamo giocando.

Tutto questo prima di andare materialmente in onda, evitando così fastidiosi momenti di imbarazzo nel caso i nostri follower non ci vedessero perfettamente oppure non sentissero distintamente i nostri commenti.

Da questo punto di vista il servizio offerto da YouTube è sicuramente migliore di quello di Twitch che, invece, non consente di regolare alcun parametro prima della messa in onda.

4. Sfruttare le regole e guadagnare con Twitch

Sfruttare le regole-300x180

Per entrare a far parte della grande famiglia dei Partner di Twitch, il percorso è piuttosto difficile perché bisogna dimostrare, dati alla mano, di avere già un seguito sul proprio canale di almeno 500 spettatori.

Fino a quella soglia, Twitch non offre alcun ritorno economico e gli unici soldi che possiamo sperare di vedere sono quelli derivanti dagli eventuali follower disponibili a pagarci una sottoscrizione mensile pari a 5 dollari.

In realtà, non è poi così male dato che anche senza essere Partner, bastano 200 follower per un guadagno mensile di 1.000 dollari. Inoltre, durante le nostre trasmissioni possiamo inserire, a pagamento, delle pubblicità e ricevere donazioni economiche da parte dei nostri fan più incalliti.

Infine, superata la soglia minima e diventati Partner, Twitch prevede un premio da 0,70 a 1,40 dollari ogni 1.000 viewer.

Non tutti i giochi integrano il supporto allo streaming con Twitch. In questo caso, quello che ci serve è un ulteriore software che ci faccia da intermediario consentendoci l'avvio della trasmissione video e la sua gestione in tempo reale.

Sul Web si possono trovare diversi programmi sviluppati con questo fine ma quello che viene maggiormente usato dai videogiocatori professionisti si chiama XSplit ed è scaricabile gratuitamente, nella versione base, dal sito www.xsplit.com.

Nonostante sia disponibile solo in lingua inglese, l'installazione e la configurazione non presentano particolari problemi: basta un po' di attenzione e tutti i principali parametri possono essere regolati con precisione sulla base delle nostre esigenze.

Dobbiamo fare, però, molta attenzione alle caratteristiche del nostro computer. Dato che dovremo utilizzare in contemporanea due differenti applicazioni, abbiamo bisogno di un PC sufficientemente potente che consenta di evitare rallentamenti durante le sezioni di gioco più impegnative.

Inoltre, la nostra connessione a Internet dovrà avere un'alto valore di trasferimento dei dati in upload: le normali linee ADSL economiche non sono sufficienti.

Un'ultima verifica riguarda la qualità dello streaming video che dev'essere almeno di 30 fotogrammi al secondo, gli FPS, con una risoluzione di 720 pixel.

Se vogliamo trasmettere filmati in alta qualità a 60 FPS e con una risoluzione pari a 1.080 pixel, dobbiamo avere un valore in upload di almeno 5 Mbps.

5. Chattare sempre e interagire col pubblico con speciali connessioni a internet

Chattare sempre-300x180

Anche se può apparire come un leggero ritardo, la differenza che esiste tra l'attimo in cui la trasmissione viene avviata e quello in cui gli spettatori la ricevono gioca un ruolo fondamentale: condiziona i tempi dell'interazione con i seguaci.

Su YouTube la differita, così viene tecnicamente indicata, è dell'ordine dei 2 minuti: le nostre risposte alle domande che ci arrivano giungono sempre irrimediabilmente fuori tempo rispetto al contesto nel quale erano state originariamente formulate.

Una situazione difficile da gestire e che non invoglia chi ci guarda a entrare in contatto diretto con noi.

Twitch, invece, punta molto sulla creazione di un filo diretto tra il broadcaster e il suo pubblico dato che è da questa vicinanza che possono derivare parte delle eventuali donazioni.

Proprio per questo motivo, le trasmissioni sono in differita solo di circa 10/20 secondi: un tempo nettamente inferiore rispetto a quello di YouTube.

La sezione delle domande, che occupa tutta la parte destra dello schermo e che viene indicata come chat, offre, inoltre, numerose modalità di personalizzazione: si possono cambiare i colori e lo sfondo e si possono inserire anche icone, emoticons e immagini.

Internet: No fibra? No party! Le connessioni a Internet, quelle che ci permettono di navigare sul Web. vengono genericamente in dicate come linee ADSL.

All'interno di questa definizione, però, viene ridotto un intero mondo di tecnologie differenti e non tutte consentono di sfruttare al meglio le funzioni dello streaming audio e video.

Quando attiviamo un contratto con un fornitore Internet, dobbiamo verificare due diversi valori che indicano, rispettivamente, la velocità di download - cioè di scaricamento - e quella di upload - cioè di caricamento.

Il download serve per visualizzare sul nostro computer i filmati e gli altri contenuti che si trovano all'interno dei vari siti Internet mentre l'upload serve per poter inviare dal nostro PC al Web quello che ci interessa.

Per realizzare una trasmissione, quindi, è di fondamentale importanza che la velocità di upload sia la più alta possibile. Non solo: maggiore sarà la qualità della nostra trasmissione, più grande dovrà essere il valore della velocità di upload.

In Italia, la situazione generale delle linee ADSL è deprimente e per avere velocità medio/alte l'unica possibilità consiste nell'attivare contratti basati sulle fibre ottiche o su altre tecnologie come quelle satellitari.

Prima di lanciarci in questa nuova avventura, controlliamo che la zona dove ci troviamo sia raggiunta da un gestore che possa offrirci una connessione a Internet sufficiente per i nostri bisogni.



Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici su Facebook
Hai qualche idea per un articolo su BEST5? Vai alla pagina dei suggerimenti e libera la tua fantasia!