Ecco le cose che puoi fare solo con Windows 10

Ecco le cose che puoi fare solo con Windows 10-2-800x400
   
    

Ecco le cose che puoi fare solo con Windows 10 BEST5.IT 2016-12-08 07:56:41
User Rating: 5 (1 votes)

Manca poco. Windows 10 sta per compiere un anno di vita e fino al 29 luglio siamo ancora in tempo per aggiornare il nostro vecchio computer basato su Windows 7 o Windows 8 senza spendere un centesimo.

Dopo questa data non sappiamo per certo cosa succederà: Microsoft prolungherà i tempi o farà pagare l’aggiornamento?

Al momento sembra più sicura la seconda ipotesi, ma sta di fatto che ormai, dopo una mole immensa di aggiornamenti, l’ultimo Windows è maturo e stabilissimo.

Chi avesse ancora qualche dubbio sulla possibilità di passare al nuovo sistema operativo, continuando a leggere i nostri cinque punti che seguono, può trovare una risposta.

Abbiamo scelto di segnalare una serie di cose che Windows 10 può fare e le versioni precedenti no. In alcuni casi si tratta solo di piccoli vantaggi, ma nell’insieme queste procedure e funzionalità possono semplificarci notevolmente la vita.

Se il nostro computer è compatibile e abbiamo diritto all’aggiornamento, consigliamo di farlo al più presto. Ne vale davvero la pena!

In tanti si rifiutano di usare Windows 10 a causa dei problemi di privacy legati a Cortana. L’assistente vocale ha bisogno di “registrare” quello che facciamo al computer per essere più preciso e affidabile e questo può risultare fastidioso. Ricordiamoci però che possiamo disabilitarlo e stare molto più tranquilli.

Windows 10 è ormai maturo e stabile. I continui aggiornamenti di Microsoft lo hanno reso affidabile e veloce ed è gratuito fino al 29 luglio. Per chi è ancora indeciso sulla possibilità di installarlo o meno, ecco cosa è in grado fare!

ATTENZIONE!
Il 29 luglio è l’ultimo giorno per passare a Windows 10 in maniera gratuita. Dal 30 luglio 2016…
Siamo ancora nel periodo in cui Windows 10 può essere scaricato gratis per aggiornare il nostro vecchio computer equipaggiato con Windows 7 o Windows 8.
Dopo il 29 luglio le cose cambieranno. Tranne modifiche improvvise dell’ultimo momento, se dopo questa data decideremo di passare a Windows 10, dovremo essere pronti a pagare.
Microsoft vende la versione Home dell’ultimo sistema operativo a 119 dollari, circa 106 euro, ma se acquistiamo un nuovo PC ce lo ritroveremo comunque installato senza pagare nulla, come d’altronde succedeva con qualunque altro Windows.
Se vogliamo aggiornare, giugno e luglio sono gli ultimi mesi disponibili per farlo gratis. Sta a noi decidere. Oggi Windows 10 è installato su 300 milioni di dispositivi in tutto il mondo…

LEGGI  Le minacce più pericolose per la vostra sicurezza sul web

1. Video, foto subito in TV e tutte le notizie nello stesso posto

Video, foto subito in TV-300x180

  • Video e foto subito in TV
    Se abbiamo un televisore con tecnologia Miracast è possibile inviare direttamente allo schermo sia le immagini di foto e video che abbiamo memorizzato nel nostro computer sia la nostra musica.
    Lo stesso Edge, il nuovo browser di Microsoft, integra una funzione per condividere mentre stiamo navigando in Rete.
    Possiamo per esempio inviare al televisore o a un altro dispositivo compatibile un filmato di Youtube o delle foto archiviate su Dropbox.
    Per usare questa funzione apriamo Edge e andiamo nella pagina che vogliamo replicare sul televisore, poi facciamo clic sui tre puntini del menu e scegliamo la voce Trasmetti elementi multimediali al dispositivo.
    Se vogliamo che il computer comunichi con l'apparecchio televisivo è necessario che entrambi i dispositivi siano collegati alla stessa rete.
    Ci sono però servizi di video in streaming come Netflix che, per ragioni legate ai diritti, non permettono di inviare immagini dal computer al TV.
  • Tutte le notizie nello stesso posto
    Tablet e telefoni di ultima generazione ci hanno abituati a vedere tutte le notifiche che riceviamo in maniera veloce e semplice.
    Post e commenti di Facebook o Twitter, messaggi, email e così via sono visualizzati insieme dal nuovo centro notifiche di Windows 10.
    Si tratta di una funzione utilissima: riusciamo ad avere un colpo d'occhio generale su quello che ci interessa. Anche Windows 8.1 aveva qualcosa di simile, ma niente a che vedere con la completezza del nuovo strumento.
    Per noi si tratta di un'aggiunta importante che rende più comodo l'uso di Windows 10 nell'era dei social. Per accedere al centro notifiche basta fare clic sull'icona a forma di fumetto, nella barra degli strumenti in basso a destra.
    Le ultime notifiche sono visualizzate nella parte alta del pannello e possono essere cancellate con un semplice clic sulla X di fianco a ogni messaggio o sulla voce Cancella tutto.

2. Fissare scadenze con la voce e scaricare le mappe in locale

Fissare scadenze -300x180

  • Fissare scadenze con la voce
    Abbiamo letto molto di tutti i problemi di privacy legati a Cortana, ma ci sono delle funzionalità dell'assistente vocale di Microsoft che non possiamo fare a meno di apprezzare. La possibilità di dettare velocemente dei comandi per fissare una scadenza o un appuntamento è decisamente comoda.
    Soprattutto se abbiamo un computer due in uno e non vogliamo stare a scrivere delle note a mano. I comandi vocali risultano molto utili anche per ricordarci delle scadenze ricorrenti.
    Possiamo per esempio dire a Cortana che deve avvisarci ogni giorno alla stessa ora di prendere una medicina o di passare dalla lavanderia a ritirare i vestiti.
    Per farlo (quando l’assistente è attivo) basta fare clic sul simbolo del microfono e pronunciare: "Fissa un promemoria".
    Cortana ci chiederà di cosa deve avvisarci e noi potremo dire frasi come: "Ricordami di prendere la pillola ogni giorno alle 10" oppure "Ricordami di passare in lavanderia domani alle 18".
    Se il nostro computer ha un buon microfono in grado di "sentire" bene la nostra voce, l'assistente vocale può essere uno strumento fantastico! A volte rinunciare a un pizzico di privacy non è poi così male...
  • Scaricare le mappe in locale
    Anche Windows 8.1 ha un'app di mappe ma quella di Windows 10 è migliore e la differenza la fa la possibilità di scaricare in locale i nostri percorsi preferiti.
    Si tratta di una funzione comoda quando siamo in giro e ci colleghiamo a Internet utilizzando una connessione dati a pagamento come quella dello smartphone.
    Scaricando in locale le mappe che ci interessano riduciamo notevolmente i consumi e rendiamo più veloce l'uso dell'app. Per accedere a questa funzione, scriviamo Mappe nella barra di ricerca di Windows e avviamo l'app.
    Ora ricerchiamo l'area che ci interessa e quando è stata visualizzata sullo schermo facciamo clic sul simbolo dell'ingranaggio per accedere alle impostazioni.
    Da qui non dobbiamo fare altro che fare clic sulla voce Scarica o aggiorna mappe che si trova sotto Mappe offline. Avremo così accesso a una finestra dalla quale aggiungere o eliminare tutte le mappe scaricate.

3. Lavorare con i desktop virtuali, trasformare il PC in un tablet e analizzare lo spazio sul disco

Lavorare con i desktop virtuali -300x180

  • Lavorare con i desktop virtuali
    Windows 10 è il primo sistema operativo Microsoft a usare bene i desktop virtuali.
    Si tratta di una nuova funzione utilissima per organizzare al meglio il nostro spazio di lavoro.
    Ci permette infatti di creare dei cloni del desktop che in un certo senso simulano degli schermi aggiuntivi del computer.
    In questo modo possiamo crearne uno per avere sempre la posta a schermo pieno, un altro con i servizi di messagistica e così via.
    Per passare facilmente da un desktop all'atro è sufficiente schiacciare il tasto Windows + Tab e scegliere dove andare.
    Con la stessa combinazione di tasti possiamo creare un nuovo desktop virtuale facendo clic sulla voce Nuovo desktop oppure eliminarne uno con la X posta in alto a sinistra dell'anteprima.
  • Trasformare il PC in un tablet
    La possibilità di gestire al meglio uno schermo touch è stato uno dei pilastri su cui si è fondata la comunicazione di Windows 10 ed effettivamente si tratta di una funzione ottima.
    Se abbiamo un portatile con schermo sensibile al tocco o un due in uno, ci accorgiamo subito di quanto sia comodo passare al volo dalla modalità desktop a quella tablet. Usare Windows 8 o Windows 7 su un computer di nuova generazione con schermo touch è davvero uno spreco che possiamo benissimo evitare.
  • Analizzare lo spazio sul disco
    Le funzionalità di Windows 7 per analizzare lo spazio sul disco sono davvero povere se paragonate ai nuovi strumenti di Windows 10.
    Quelle di Windows 8.1 sono un po' meglio ma non c'è competizione. Proviamo a fare clic su Start, selezioniamo Impostazioni, Sistema e infine Archiviazione.
    Avremo un grafico che ci mostra in dettaglio cosa sta occupando spazio sul disco o su una partizione di esso. Da questa posizione possiamo anche decidere dove effettuare il
    salvataggio dei file per tipologia.
    Per esempio, vogliamo che i documenti vengano memorizzati in Cloud su Onedrive, la musica nella partizione D e le immagini nella F.

4. Impostazioni dal menu Start e installare le app su una scheda SD

Impostazioni dal menu Start -300x180

  • Impostazioni dal menu Start
    Una bella novità di Windows 10 è la possibilità di aggiungere direttamente al menu Start delle scorciatoie per personalizzare le impostazioni del computer.
    Dal menu generale delle impostazioni, possiamo infatti selezionare una voce come per esempio Schermo, App e funzionalità o altro ancora.
    Facendo clic con il tasto destro del mouse scegliamo Aggiungi a Start. In questo modo potremo apportare modifiche al volo senza aprire ogni volta da zero il menu impostazioni per ricercare e scegliere quello che ci serve.
  • Installare le app su una scheda SD
    Uno dei problemi principali che affliggono i computer due in uno è lo scarso spazio a disposizione.
    Questo si traduce nell'impossibilità di installare nuove app e nel fatto di avere continuamente problemi di spazio insufficiente.
    Fortunatamente, con il mega aggiornamento di novembre 2015, Microsoft ha introdotto la possibilità di installare le app scaricate dallo Store direttamente in una schedina SD collegata al computer.

5. Trovare un dispositivo perso, ottimizzare gli aggiornamenti e Copia e incolla nel Prompt

Trovare un dispositivo perso-300x180

  • Trovare un dispositivo perso
    Sui dispositivi Android c'è lo strumento Device Manager, mentre Apple ha Trova il mio Mac per cercare un dispositivo che non troviamo più o crediamo ci abbiano rubato. Windows 10 ha Trova il mio dispositivo, una funzione che ha proprio lo stesso scopo.
    Serve quando non riusciamo a rintracciare il nostro telefono o PC 2in1.
    Di solito è disattivata, ma per usarla non dobbiamo fare altro che andare sul'icona Start, selezionare Impostazioni e la vedremo sotto Aggiornamento e sicurezza.
    Per controllare dove si trova il nostro computer basta collegarsi a http://account.microsoft.com/devices/about, inserire i dati del nostro account Microsoft e fare una ricerca. Con Windows 7 e Windows 8 non funziona.
  • Ottimizzare gli aggiornamenti
    Chi ha installato Windows 10 già dallo scorso luglio sa benissimo quanti aggiornamenti sono stati necessari per rendere il nuovo sistema operativo maturo e performante.
    Se in casa c'è un solo PC il problema è gestibile, ma se possediamo più di una macchina, scaricare gli aggiornamenti per tutti è difficoltoso.
    Fortunatamente, Windows 10 ci permette di condividere gli aggiornamenti scaricati con gli altri computer della stessa rete, in questo modo scaricheremo da internet solo una volta e avremo sempre tutti i PC al sicuro.
    Per attivare la funzione andiamo su Start, Impostazioni, Aggiornamento e sicurezza, quindi scegliamo Opzioni avanzate.
    Da qui facciamo ancora clic su Scegli come recapitare aggiornamenti e attiviamo la funzione Aggiornamenti da più posizioni. Facciamo la stessa cosa con gli altri PC collegati alla nostra rete e il gioco è fatto.
    Quando un computer si aggiorna, invia i file scaricati anche alle altre macchine usando la rete interna.
  • Copia e incolla nel Prompt
    Il Prompt dei comandi di Windows è lo strumento per dare delle istruzioni speciali al sistema operativo in modo da fargli svolgere operazioni complesse o nascoste.
    Finora era necessario digitare manualmente delle lunghe sequenze di codici, magari copiati da riviste o dal Web. Adesso è possibile usare la funzione di copia e incolla con i tasti Ctrl+C e Ctrl+V anche all'interno della finestra nera del Prompt.
    Eviteremo così di commettere errori di digitazione e saremo molto più veloci nella gestione delle personalizzazioni che richiedono questo strumento.



Note

Cosa vorremmo che Windows 10 facesse...

Windows 10 ha un sacco di nuove funzioni, eppure ci sono anche alcune cose che a nostro avviso si potrebbero migliorare. Per esempio:

  • Personalizzare di più il menu Start
    Le opzioni per personalizzare il menu Start di Windows 10 non sono tantissime. L'aspetto delle icone squadrate potrebbe risultare noioso. Sarebbe bello poterle modificare di più, ad esempio creandone noi stessi di nuove.
  • Far funzionare Onedrive come faceva Windows 8
    In Windows 8 la sincronizzazione con Onedrive permetteva di scaricare solo i file selezionati, invece di sincronizzare tutto come in Windows 10.
  • Scegliere gli aggiornamenti da installare
    Da sempre siamo stati abituati a decidere quali aggiornamenti del sistema operativo installare e quali invece no. Con Windows 10 invece la spinta a scaricare quello che vuole Microsoft è troppo forzata.
    Certo, in questo modo non ci sfuggiranno patch relative a questioni di sicurezza che possono mettere in pericolo il nostro computer, ma ci piacerebbe avere più controllo a riguardo.
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici su Facebook
Hai qualche idea per un articolo su BEST5? Vai alla pagina dei suggerimenti e libera la tua fantasia!