L’uomo, l’agricoltura e le piante

L'uomo, l'agricoltura e le piante 2-800x400
   
    

L’uomo, l’agricoltura e le piante BEST5.IT 2016-12-08 00:13:45
User Rating: 5 (2 votes)

La nostra specie, Homo sapiens, esiste da almeno 500.000 anni, e gli esseri umani sono numerosi da almeno 150.000 anni.

Come tutti gli altri esseri viventi, noi rappresentiamo il risultato di almeno 3,5 miliardi di anni di evoluzione. I nostri immediati predecessori, membri del genere Australopithecus, apparvero per la prima volta non prima di 5 milioni di anni fa.

Sembra che in quel periodo, nel continente africano, essi si siano staccati dalla linea evolutiva che ha dato origine agli scimpanzé e ai gorilla, i nostri più diretti parenti viventi. I membri del genere Australopithecus erano scimmie relativamente piccole che sovente camminavano su due zampe.

Esseri umani più grandi capaci di usare utensili – membri del genere Homo sapiens- apparvero per la prima volta circa due milioni di anni fa. Essi certamente si sono evoluti da membri del genere Australopithecus, ma avevano cervello più sviluppato, apparentemente grazie all'uso di utensili e da questo uso stimolato.

I primi membri del genere Homo vivevano, probabilmente, raccogliendo il cibo (frutti, semi e nocciole, germogli eduli e foglie, radici), utilizzando gli animali morti, e occasionalmente cacciando. Essi impararono a usare il fuoco non prima di 1,4 milioni di anni fa. Sembra che il loro modo di vita fosse simile a quello di alcuni gruppi di esseri umani contemporanei che praticano il nomadismo e sono cacciatori-raccoglitori.

La nostra specie, Homo sapiens, compare in Africa circa 500.000 anni fa e in Eurasia circa 250.000 anni fa. Circa 34.000 anni fa, il possente, piccolo e tozzo uomo di Neanderthal, precedentemente presente in gran numero in Europa e nell'Asia occidentale, scompare definitivamente , sostituito da un essere umano che sostanzialmente era simile a noi.

Da quel momento in poi i nostri antenati fabbricarono utensili di pietra sempre più complessi, e altri ancora di osso, di avorio e di corno, materiali questi mai impiegati in precedenza: esperti cacciatori, predavano nei branchi di animali di grossa mole con cui spartivano l'ambiente. Questi uomini, inoltre, cominciarono spesso a eseguire magnifiche pitture rituali sulle pareti delle caverne. Le basi della società moderna erano state così gettate.

LEGGI  I 5 animali più teneri del pianeta

Ma vediamo come ebbe inizio l'agricoltura (sia nel Vecchio Mondo, che nel Nuovo), la sua trasformazione nel tempo, per occuparci anche di diverse piante, coltivate ed addomesticate dall'uomo, utili per la sua sopravvivenza.

1. L'inizio dell'agricoltura

L'inizio dell'agricoltura-300x180

I nuovi esseri umani che rimpiazzarono i Neanderthal ben presto si sparsero sull'intera superficie del globo.

Subito dopo la loro comparsa in Europa e nell'Asia Occidentale, essi colonizzarono la Siberia e raggiunsero l'America del Nord circa 12 o 13000 anni fa. La loro migrazione verso l'Est avvenne durante uno dei periodi freddi del Pleistocene, quando le savane, con i loro numerosi branchi di animali al pascolo, erano molto estese.

Con le loro migrazioni sembra che questi uomini si siano resi responsabili dell'estinzione di molte specie animali; qualunque sia stato il loro contributo in tal senso, una caccia intensiva da parte dell'uomo, insieme a grossi cambiamenti climatici, coincisero con la scomparsa di questi animali in molte parti della Terra.

Circa 18.000 anni fa i ghiacciai cominciarono a ritirarsi, esattamente come avevano già fatto per 18 o 20 volte durante i precedenti 2 milioni di anni. Le foreste si spostarono verso il Nord attraverso l'Eurasia e il Nord America, mentre le praterie si ridussero di estensione e gli animali di grossa mole a esse associati diminuirono di numero. Probabilmente, non più di 5 milioni di esseri umani esistevano allora su tutta la Terra, e gradualmente essi cominciarono a utilizzare nuove risorse di cibo.

Alcuni di essi vivevano lungo le coste del mare, dove gli animali che potevano essere usati come cibo erano localmente abbondanti; altri, invece, cominciarono a coltivare le piante, impossessandosi così di una nuova e relativamente sicura risorsa di nutrimento. 

La prima semina deliberata è stata, probabilmente, la semplice logica conseguenza di una serie di eventi. Per esempio, i cereali selvatici (membri della famiglia delle Poaceae, piante erbacee a semi) sono erbacce, ecologicamente parlando; essi, cioè, crescono facilmente in luoghi aperti e «difficili», in aree desolate dove trovano poche altre piante come loro competitrici.

Qualcuno, che ne raccoglieva regolarmente i semi, accidentalmente può averne sgranati alcuni presso il proprio accampamento, o può averne piantato deliberatamente, creando così una risorsa di cibo da cui in seguito sarebbe stato fortemente dipendente. Una volta verificatasi questa serie di eventi, l'agricoltura ebbe inizio.

Nei luoghi dove le graminacee e le leguminose selvatiche erano abbondanti e facilmente raccoglibili, gli esseri umani sarebbero rimasti per molto tempo, forse imparando come aumentare i loro raccolti, conservando e seminando i semi, proteggendo le coltivazioni da gatti, uccelli e altri animali dannosi, irrigandole e concimandole.

Per effetto della coltivazione, le caratteristiche delle piante messe a coltura lentamente sarebbero cambiate, man mano che l'uomo selezionava un numero sempre maggiore di semi da piante con specifiche proprietà tali da favorirne una più agevole raccolta, conservazione e utilizzazione. Per esempio, la spiga del grano selvatico (e di specie simili), si apre facilmente spargendo i semi maturi .

Nelle specie coltivate di grano, invece, la spiga è resistente e conserva i semi fino alla raccolta. Semi protetti in questo modo non si prestano ad essere dispersi facilmente in natura, ma si prestano per essere agevolmente raccolti dall'uomo come cibo o semente. A lungo andare, le piante messe stabilmente a coltura divennero sempre più dipendenti dall'uomo che le coltivava, mentre l'uomo divenne sempre più dipendente dalle piante.

2. L'agricoltura nel Vecchio Mondo

L'agricoltura nel Vecchio Mondo-300x180

L'addomesticamento delle piante e degli animali ebbe inizio circa 11.000 anni fa nell'area conosciuta come "mezzaluna fertile" ad Est del Mediterraneo, in terre che si estendevano nelle zone dove oggi si trovano il Libano, la Siria, la Turchia, l'Iraq e l'Iran.

In queste regioni l'orzo (Hordeum vulgare) e il grano (Triticum) sono state, sembra, le prime piante a essere coltivate, immediatamente seguite dalle lenticchie (Lens culinaris) e dai piselli (Pisum sativum). Altre piante addomesticate molto presto in quest'area furono i ceci (Cicer arietinum) , le fave (Vieia spp.), gli olivi (Olea europaea), i datteri (Phoenix dactylifera) , i melograni (Punica granatum) , e la vite Vitis vinifera). Il vino prodotto dall'uva e la birra, preparata con cereali, vengono usati da tempi remoti.

Il lino (Linus usitatissimum) venne messo a coltura molto presto, sia probabilmente come fonte di alimento (i semi in Etiopia vengono mangiati ancora oggi), sia come fonte di fibre per abiti tessuti. Fra le piante coltivate per prime, i cereali rappresentavano una ricca sorgente di carboidrati, e le leguminose un'abbondante risorsa di proteine. I semi delle leguminose sono fra le parti della pianta più ricche di proteine; tali proteine, inoltre, sono spesso ricche di alcuni aminoacidi che sono invece molto scarsi nei cereali.

Non è sorprendente, pertanto, che le leguminose siano state messe a coltura, insieme ai cereali, fin dai primordi dell'agricoltura in tutto il mondo. Delle proteine che in tutto il mondo vengono consumate dall'uomo, il 70% viene fornito dalle piante e solo il 30% dagli animali. Soltanto il 18% del totale delle proteine vegetali proviene dalle leguminose; circa il 70% deriva , invece , dai cereali, sebbene questi ne contengano una minore quantità.

Malgrado tale rapporto , le proteine delle leguminose sono molto importanti per la dieta umana, e sembra che possa diventare estremamente vantaggioso un miglioramento qualitativo - in termini della loro composizione aminoacidica- delle leguminose che consumiamo.

La coltivazione delle piante divenne via via sempre più organizzata. Per esempio, strumenti specializzati devoluti alla raccolta e lavorazione delle graminacee (lame di selce a forma di falcetto, pietre da macina, mortai e pestelli di pietra) erano già in uso più di 10.000 anni fa. Circa 8.000 anni fa l'uomo cominciò a costruire contenitori di argilla per conservare il grano. 

Gli uomini, disponendo di risorse costanti di cibo sotto forma di piante e animali domestici, si trovarono nella possibilità di creare villaggi, circa 10.000 anni fa, e anche città, circa 4.000 anni più tardi. La terra resa produttiva, e perciò abitabile dall'uomo in permanenza, poteva diventare un bene appropriabile, da accumulare e trasmettere ai discendenti.

L'agricoltura originatasi nel Vicino Oriente avanzò verso Nord-Ovest, interessando la maggior parte dell'Europa e raggiungendo l'Inghilterra nel 4000 circa a.C.; contemporaneamente, l'agricoltura si andava sviluppando indipendentemente anche in altre parti della Terra.

3. L'agricoltura nel Nuovo Mondo

L'agricoltura nel Nuovo Mondo-300x180

Uno sviluppo contemporaneo dell'agricoltura si verificò nel Nord e nel Sud America. E improbabile che piante addomesticate siano state portate dall'uomo dal Vecchio al Nuovo Mondo prima del 1492.

Le piante che venivano poste in coltura nel Nuovo Mondo erano differenti da quelle che inizialmente erano state addomesticate nel Vecchio Mondo.

Invece di grano, orzo e riso, qui vi era granturco (Zea mays); al posto di lenticchie, piselli e ceci, gli abitanti del Nuovo Mondo coltivavano, fra le altre leguminose, fagioli, fagioli di Lima, e arachidi.

Fra le altre piante importanti coltivate nel Messico vi era il cotone, il pepe rosso o pepe del Cile, i pomidoro, il tabacco, il cacao che fornisce l'ingrediente più importante per il cioccolato, l'ananas, zucchini e zucche, e l'avocado (Persea americana)

Le più antiche prove di cui disponiamo circa l'esistenza di piante addomesticate in Messico risalgono a circa 9.000 anni fa, ma sembra che un'agricoltura intensiva non si sia ben sviluppata se non molto tempo dopo. Le prove in nostro possesso, pertanto, suggeriscono che l'addomesticamento delle piante abbia avuto inizio nel Nuovo Mondo più tardi che in Eurasia.

Molte delle piante che originariamente furono addomesticate in Messico si distribuiscono in seguito dal Centroamerica e dal Messico al Nord fino al Canada. Le stesse piante venivano anche coltivate intensivamente nei bassipiani e alle medie altitudini nel Sudamerica.

Nella parte più settentrionale del Sudamerica si sviluppò un tipo particolare di agricoltura, basata sulla coltivazione di piante tuberose quali la patata (Solanum tuberosum) e di altre specie di piante da semi, quali Chenopodium quinoa e il lupino (Lupinus ssp., della famiglia delle Fabaceae). Le patate venivano già coltivate negli altipiani del Sudamerica al tempo di Colombo, ma esse non raggiunsero mai il Centroamerica o il Messico finché non ve le portarono gli Spagnoli.

Le patate sono state il cibo più importante in Europa nell'arco di due secoli, fornendo più del doppio, in termini di calorie, per ettaro rispetto al grano. Altre piante vennero messe in coltura altrove partendo da questi centri importanti. Per esempio, il girasole (Helianthus annuus) è stato addomesticato dagli Indiani d'America che vivevano nella regione corrispondente agli odierni Stati Uniti.

Un'altra pianta molto importante nel Nuovo Mondo, la manioca (chiamata anche cassava) addomesticata nelle zone aride del Sudamerica, ora viene coltivata su larga scala in tutte le zone tropicali del mondo.

4. Spezie ed erbe aromatiche

Spezie ed erbe aromatiche-300x180

Le spezie, parti di piante fortemente odorose e generalmente ricche di oli essenziali, possono derivare da radici, scorza, frutti e germogli. Le erbe aromatiche, invece, sono generalmente foglie di piante non legnose, sebbene anche l'alloro e alcuni altri ingredienti che derivano da alberi o arbusti sono considerati tali.

In pratica, spezie ed erbe aromatiche si integrano; entrambe vengono tradizionalmente usate dagli esseri umani per insaporire i cibi, specialmente quelli facilmente deteriorabili o scipiti.

Spezie ed erbe aromatiche vennero comunemente impiegate per cucinare già dai tempi più remoti di cui abbiamo traccia; la ricerca delle spezie ha avuto un ruolo principale nei lunghi viaggi dei Portoghesi, Tedeschi e Inglesi avvenuti nel tredicesimo secolo e, probabilmente, ha portato alla scoperta del mondo intero.

Le spezie più importanti provenivano dalle zone tropicali dell'Asia; esse sono state l'incentivo per grandi viaggi ma anche la causa di grandi guerre. Sin dal terzo secolo a. C. , carovane di cammelli - che spesso impiegavano due anni per un solo viaggio - hanno trasportato spezie dall'Asia tropicale verso le regioni civilizzate del Mediterraneo.

Fra queste spezie vi era la cannella, il pepe nero (frutto secco e pestato di Piper nigrum), i chiodi di garofano (abbozzi fiorali seccati di Eugenia aromatica), il cardamomo (semi di Elettaria cardamomum) , lo zenzero (rizoma di Zingiber officinale) , la noce moscata (seme e involucro serninale seccato di Myristica fragrans). Un numero minore di altre spezie fra cui la vaniglia (frutto con i semi seccato e fermentato dell'orchidea Vanilla planifolia), il pepe rosso (Capsicum spp.), e il pimento (bacche di Pimenta officinalis) provengono dal Nuovo Mondo dopo i viaggi di Colombo.

In Europa, e in tutta l'area mediterranea, avevano avuto origine vari tipi di erbe aromatiche, alcune delle quali localmente molto comuni e, forse per questa ragione, non così apprezzate come invece lo erano le spezie disponibili soltanto in luoghi lontani.

Particolarmente importanti fra queste erbe aromatiche si trovano i membri della famiglia della menta (Menthaceae), tra cui il timo (Thymus spp.), la menta (Mentha spp.), il basilico (Ocimum vulgare), l'origano (Origanum vulgare) e la salvia (Salvia spp.). Importanti erano anche i membri della famiglia del prezzemolo (Petroselinum crispum), l'aneto (Anethum graveolens), il finocchio (Foeniculum vulgare), il coriandolo (Coriandrum sativum), e l'anice (Anethum graveolens).

Alcuni membri di questa famiglia (il prezzemolo per esempio) vengono coltivati principalmente per le loro foglie, altri vengono coltivati per i semi, e molti (come l'aneto e il coriandolo) vengono apprezzati sia per le foglie che per i semi.

Il dragoncello (Artemisia dracunculus) è un'erba aromatica costituita dalle foglie di una pianta appartenente allo stesso genere dell'assenzio e della salvia che vivono nell'Ovest degli Stati Uniti e del Canada. Brassica nigra, dai cui semi si prepara la spezia detta mostarda, è probabilmente originaria dell'Eurasia. Foglie, tradizionalmente derivate dall'albero di alloro, Laurus nobilis, della regione mediterranea, costituisce un'altra erba aromatica, quella derivata dai membri della grande famiglia tropicale dell'alloro (Lauraceae).

Il caffè, Coffea arabica, e il tè, (Camellia sinensis) forniscono le due bevande più importanti del mondo; entrambe vengono consumate principalmente per lo stimolante alcaloide che contengono, la caffeina. Il caffè è preparato a partire dai semi della pianta di caffè preventivamente seccati, abbrustoliti e macinati, mentre il tè è preparato con le tenere foglie seccate della pianta di tè.

Il caffè è stato messo originariamente in coltura nelle montagne dell'Africa Nordoccidentale, mentre il tè è stato coltivato per la prima volta nelle montagne dell'Asia subtropicale; adesso, però, queste due piante vengono comunemente coltivate in tutte le regioni calde del mondo. Il caffè oggi provvede al sostentamento di circa 25 milioni di individui in tutto il mondo, e rappresenta la risorsa principale di introiti per le 50 nazioni tropicali che lo esportano. Un terzo del caffè consumato nel mondo proviene dal Brasile.

5. L'agricoltura nel mondo

L'agricoltura nel mondo-300x180

Negli ultimi 500 anni, importanti colture sono state effettuate in tutto il mondo ovunque crescessero bene.

Le graminacee principali - grano, riso e mais- sono state poste in coltivazione dovunque il clima lo permettesse. Piante che, prima dei viaggi di Colombo, erano sconosciute in Europa come il mais, i pomodori e il pepe Capsicum, vengono ora coltivate in tutto il mondo. Più della metà della produzione mondiale di girasole, pur trattandosi di piante originariamente addomesticate nell'area corrispondente agli Stati Uniti, viene effettuata oggi in Unione Sovietica.

I girasoli stanno per rimpiazzare, addirittura, i tradizionali olivi come risorsa di olio in molte zone della Spagna e in altre aree della regione mediterranea. In tutto il mondo i girasoli vengono coltivati sempre più intensivamente per il loro olio e sono secondi soltanto alla soia fra le piante a tale scopo coltivate.

Anche alcune coltivazioni tropicali sono diventate comuni. Per esempio, l'albero della gomma (specie appartenente al genere Hevea, della famiglia delle Euphorbiacee) viene coltivato su scala commerciale da circa 150 anni; la zona principale della produzione di gomma è l'Asia tropicale. Per l'albero della gomma, come per molte altre piante, la coltivazione lontano dall'area di origine sembra sia stata vantaggiosa; le nuove aree, spesso, sono prive degli insetti e delle malattie che attaccavano le piante nelle loro terre d'origine.

Le palme da olio (Elaeis guineensis) , originarie dell'Africa occidentale, vengono ora coltivate in tutte le regioni tropicali. Sebbene vengano coltivate su larga scala commerciale soltanto da 75 anni, le palme da olio sono tra le coltivazioni più importanti e redditizie oggi dei Tropici. Fra le altre vi sono il caffè e le banane, ambedue oggi molto comuni.

Il cacao, parzialmente addomesticato in origine nel Messico tropicale e nell'America Centrale, è adesso la coltura più importante dell'Africa occidentale. La canna da zucchero è stata addomesticata in Nuova Guinea e nelle regioni vicine, mentre la bietola da zucchero è stata ottenuta a partire da specie coltivate in Europa.

Un'altra tra le più importanti piante coltivate ai Tropici è la palma da cocco (Cocos nucifera). Ogni albero produce circa da 50 a 100 frutti di cocco l'anno che rappresentano ricche sorgenti di proteine, olii e carboidrati. Il guscio del cocco, le foglie, le fibre della buccia e i tronchi vengono usati per costruire numerosi manufatti, ivi compresi vestiti, capanne e utensili.

L'agricoltura moderna è diventata altamente meccanizzata nelle regioni temperate e in alcune zone dei Tropici; è anche fortemente specializzata, con appena sei tipi di piante - grano, riso, granturco, patate, patate dolci e manioca - che direttamente o indirettamente (cioè dopo aver nutrito gli animali), forniscono più dell'80% di tutte le calorie necessarie agli esseri umani.

Queste piante sono ricche di carboidrati, ma non forniscono una dieta bilanciata. Generalmente esse vengono consumate insieme ai legumi (quali i comuni fagioli , piselli , lenticchie , arachidi e soia) che sono ricchi di proteine, e alle verdure a foglia come la lattuga, il cavolo, gli spinaci (Spinacia oleracea) e il cardo, che sono ricche di vitamine e sali minerali. Alcune piante come il girasole e l'olivo forniscono lipidi, anche questi necessari nella dieta umana.

Oltre alle sei principali, vi sono altre otto colture di considerevole importanza per gli esseri umani; la canna da zucchero, la bietola da zucchero, i fagioli, l'orzo, il sorgo, il cocco e le banane. Insieme alle sei menzionate prima, queste colture rappresentano la maggior parte di quelle più intensivamente praticate come risorsa alimentare.



Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici su Facebook
Hai qualche idea per un articolo su BEST5? Vai alla pagina dei suggerimenti e libera la tua fantasia!