Stanislav Petrov, l’uomo che salvò il mondo

stanislav-petrov-1-800x400
   
    

Stanislav Petrov, l’uomo che salvò il mondo BEST5.IT 2019-10-18 07:01:34
User Rating: 0 (0 votes)

Il 26 settembre 1983 un computer segnalò l’inizio di un attacco nucleare Usa.

Sarebbe bastato non farsi troppe domande, limitarsi a seguire il protocollo, e in pochi minuti si sarebbe scatenata una spaventosa guerra nucleare tra Stati Uniti e Unione Sovietica.

Non è la trama di un thriller geopolitico, ma ciò che stava per accadere il 26 settembre 1983… se solo il destino non ci avesse messo di mezzo Stanislav Petrov, coraggioso ufficiale russo la cui vicenda ci è stata per molti anni tenuta nascosta, il quale intuì che si trattava solo di un falso allarme.

Ma cosa era successo veramente quel giorno e chi era Stanislav Petrov? Scopriamolo insieme.

 

stanislav-petrov-8-800x400

LEGGI  Il segreto del Pantheon

1. Un servizio per caso e attacco in vista

stanislav-petrov-1-300x180

Nel bunker segreto Serpuchov 15, a poca distanza da Mosca, quel giorno di fine settembre iniziò con un banale imprevisto: l’ufficiale incaricato di monitorare i siti missilistici americani si era ammalato.

Fu così che, per sostituirlo, venne chiamato in servizio il quarantaquattrenne tenente colonnello Stanislav Evgrafovich Petrov (foto a sinistra).

Questi non aveva peraltro un curriculum da eroe, ma un’ordinaria quanto anonima carriera nell’Armata Rossa.

Era nato il 7 settembre 1939 nei pressi di Vladivostok, nell’Est della Russia, da una famiglia di modeste origini. La madre era infermiera e il padre un ex pilota decorato durante il secondo conflitto mondiale.

Dopo aver studiato ingegneria a Kiev, specializzandosi nell’analisi dei tracciati radar, si era arruolato in aeronautica raggiungendo il grado di tenente colonnello e venendo infine assegnato ai sistemi di difesa.

Un compito delicato, che Stanislav tenne nascosto per molto tempo persino alla moglie Raisa e ai due figli.

Il suo dovere, in quel fatidico giorno, era di verificare le informazioni trasmesse dai satelliti e di avvertire i propri superiori nel caso il computer avesse annunciato un attacco americano.

Le sofisticate attrezzature adottate dall’Urss erano state infatti progettate per segnalare tempestivamente eventuali lanci nemici, dando il tempo di reagire prima che i missili si fossero avvicinati troppo al suolo sovietico.

Si trattava di una tecnologia ritenuta infallibile, ma quella sera qualcosa andò storto. Alle 00:15, ora di Mosca, nel bunker scattò l’allarme: dalla base di Malmstrom, in Montana, era appena partito verso la Russia un missile intercontinentale.

La tensione era alle stelle, e inizialmente Petrov rimase paralizzato. “Fu qualcosa di completamente inaspettato”, ricorderà anni dopo. “La sirena suonò fortissima e io rimasi seduto per qualche secondo a fissare lo schermo con la parola ‘lancio’ scritta in grandi lettere rosse”.

Passarono pochi istanti e la sirena tornò a urlare, segnalando la partenza di altre quattro testate nucleari. Avrebbero impiegato appena 25 minuti per raggiungere l’Urss, con conseguenze catastrofiche.

“Non c’erano regole precise su quanto tempo avessimo per pensare prima di segnalare l’attacco [...] ma sapevamo che ogni secondo di ritardo avrebbe tolto tempo prezioso”.

La procedura prevista non lasciava dubbi: bisognava immediatamente riportare l’accaduto ai superiori per permettere loro di anticipare gli americani, lanciando una controffensiva nucleare. Si era a un passo dalla Terza guerra mondiale.

 

stanislav-petrov-6-800x400

2. Anno di tensioni

ronald-reagan-2-300x180

Il contesto politico internazionale dell’epoca rendeva assai plausibile un’escalation militare tra Stati Uniti e Unione Sovietica.

Mancavano appena sei anni alla caduta del Muro di Berlino, ma intanto, in quel 1983, le relazioni diplomatiche fra le due superpotenze erano pessime.

L’8 marzo il presidente statunitense Ronald Reagan (foto a sinistra), parlando ai membri della National Association of Evangelicals (associazione religiosa americana), definì l’Urss nientemeno che un “impero del male”, coniando un’espressione divenuta celebre.

Da quando era stato eletto alla Casa Bianca, tre anni prima, aveva archiviato il periodo della cosiddetta “distensione” teorizzando un approccio più duro nei confronti dei comunisti, che prevedeva tra l’altro un riarmo nucleare a scopo intimidatorio.

I russi non erano da meno, e nel 1981 avevano lanciato un vasto programma di spionaggio per prevenire le iniziative nemiche.

Il piano, noto come RJaN (acronimo russo di “Attacco Missilistico Nucleare”), era sostenuto con forza dal presidente Jurij Andropov, che poco prima di assumere la guida del Paese (1982) era stato al vertice del Kgb.

Le paranoie sovietiche diventarono evidenti il 1° settembre, giorno in cui l’aeronautica abbatté un aereo civile sudcoreano della Korean Airlines finito per errore nello spazio aereo russo (il timore era che fosse un velivolo spia).

In tutto vi furono 269 vittime innocenti, tra cui un deputato statunitense. Non bastasse, sempre a settembre si registrarono numerosi test nucleari da ambedue le parti.

 

3. Uomo vs macchina

stanislav-petrov-3-300x180

Mentre all’esterno spiravano venti di guerra, nel suo bunker il tenente colonnello Petrov aveva dunque una responsabilità enorme.

Se fosse stato un militare “ordinario”, probabilmente non avrebbe esitato a dare l’allarme.

Tuttavia, la sua formazione da analista gli fece balenare dei dubbi.

Era per esempio improbabile che gli americani iniziassero una guerra lanciando solo cinque missili e non scatenando una maggiore potenza di fuoco.

I radar terrestri, inoltre, non confermavano l’avvistamento. Passarono ancora cinque interminabili minuti e alla fine Stanislav prese la sua decisione: il computer si sbagliava, non era in corso nessun attacco.

L’ufficiale chiamò quindi i superiori comunicando che si trattava di un falso allarme. “Avevo una strana sensazione dentro di me”, disse in seguito ricordando quegli istanti.

Più che una decisione razionale, la sua fu un’intuizione, una scommessa vincente. All’interno del bunker il tenente colonnello fu subito considerato un eroe.

Lo stress emotivo era però stato così forte che, tornato a casa, per riprendersi Stanislav si attaccò alla bottiglia di vodka, dormendo per più di ventiquattro ore di fila.

 

stanislav-petrov-3-800x400

4. Punito e dimenticato

stanislav-petrov-4-300x180

Svanita la paura, la reazione delle autorità fu ben diversa da quella dei colleghi. Petrov aveva infranto le regole.

Fu dunque oggetto di un’indagine, al termine della quale ricevette un duro richiamo con il pretesto di non aver annotato con precisione tutti gli eventi nel proprio registro.

L’incidente fu tenuto top-secret perché avrebbe mostrato i terribili difetti dell’“infallibile” sistema difensivo russo, mettendo in serio imbarazzo i sovietici.

Per la cronaca, si scoprì che a ingannare il computer furono i riflessi del sole combinati a una banalissima perturbazione.

Stanislav, dopo aver abbandonato le forze armate già l’anno seguente, trovò un altro impiego come ingegnere e andò in pensione nel 1997 per prendersi cura dell’amata Raisa, che nel frattempo si era gravemente ammalata (morì proprio quell’anno).

L’incredibile storia di Petrov sarebbe balzata agli onori delle cronache nel 1998, menzionata nelle memorie di un ex generale sovietico.

I giornalisti di tutto il mondo accorsi a cercare l’ex tenente colonnello, si trovarono davanti un personaggio assai diverso da quello che immaginavano: era un uomo magro, malinconico, dal carattere spigoloso, ridotto a vivere con una misera pensione in un’oscura cittadina poco fuori Mosca.

Da allora ricevette vari riconoscimenti internazionali, tra cui il World Citizen Award (2004) e il premio per la pace di Dresda (2013), venendo inoltre celebrato dalle Nazioni Unite.

Non però dalla “sua” Russia, dove continuò a condurre un’esistenza anonima segnata dalle difficoltà economiche.

È morto a 77 anni il 19 maggio 2017, ma la notizia ha cominciato a circolare solo qualche mese dopo.

La Storia lo aveva di nuovo abbandonato, dopo averlo chiamato in causa per soli cinque minuti... appena il tempo di salvare l’umanità.

 

stanislav-petrov-5-800x400

5. Il sovietico e l’americano che evitarono l’apocalisse atomica

archipov-5-180x250

Durante la Guerra fredda, si verificarono più incidenti potenzialmente devastanti per l’umanità e prevenuti da semplici ufficiali.

Ventuno anni prima di Stanislav Petrov, a gestire la situazione con freddezza furono il russo Vasilij Archipov (foto a sinistra) e lo statunitense William Bassett, protagonisti di due episodi nell’autunno del 1962, in coincidenza con la crisi missilistica di Cuba tra Usa e Urss.

L’episodio che vide protagonista Archipov avvenne il 27 ottobre nelle acque cubane, all’interno di un sottomarino sovietico in cui l’ufficiale sovietico ricopriva il grado di vicecomandante.

Il mezzo fu bersagliato da missili di profondità americani lanciati con lo scopo di farlo riemergere: Archipov dissuase il superiore dal rispondere con un micidiale siluro nucleare, il cui lancio avrebbe scatenato una reazione a catena.

Il giorno successivo, nella base Usa di Okinawa, il capitano dell’aeronautica Bassett ricevette un messaggio in codice che gli ordinava di lanciare quattro missili verso l’Unione Sovietica.

Dedusse però che doveva trattarsi di un errore, poiché, stando ai protocolli in vigore, non vi era in quel momento uno stato di “allerta massima”.

La vicenda è stata raccontata nel 2015 da un ex commilitone, ma è ancora al vaglio degli analisti.

 




Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici su Facebook
Hai qualche idea per un articolo su BEST5? Vai alla pagina dei suggerimenti e libera la tua fantasia!