a La melanina, il pigmento della salute | best5.it

La melanina, il pigmento della salute

La melanina-1-800x400
   
     

La melanina, il pigmento della salute BEST5.IT 2021-05-03 08:12:00
User Rating: 0 (0 votes)

La tintarella di luna farà anche “bella tra le belle”, come cantava Mina.

Ma oggi alla pelle chiara preferiamo una carnagione dorata, mediterranea. A

regalarla è la melanina, il pigmento bruno che aumenta quando ci abbronziamo, proteggendoci parzialmente dagli effetti nocivi delle radiazioni solari.

Negli ultimi anni, però, la scienza ne ha evidenziato il ruolo in tanti altri processi fisiologici, con conseguenze a livello dell’intero organismo.

La melanina la conosciamo tutti perché regala il tipico colore abbronzato alla nostra pelle esposta al sole, ma questa sostanza nasconde benefici che si estendono all’intero organismo. Scopriamoli insieme.

 

La melanina-2-800x400

LEGGI  Il serpente più velenoso del mondo (Taipan)

1. Cosa si sa della melanina e cosa ancora deve essere chiarito?

titolo1-300x180

Cosa si sa della melanina e cosa ancora deve essere chiarito?

Al momento conosciamo sia le reazioni chimiche che portano alla sua produzione sia alcuni enzimi, come la tirosinasi, che facilitano questi processi.

In compenso, sappiamo poco o nulla di tutto ciò che avviene all’interno delle nostre cellule per controllare, indurre o inibire quelle stesse reazioni.

E questo cosa implica? Che probabilmente tale pigmento è coinvolto in molti più meccanismi biologici di quanti ne conosciamo e immaginiamo. Fino a oggi il suo studio è stato marginale, perché la melanina è sempre stata considerata il “colorante” della pelle. Invece, c’è molto di più.

Ci sono altri effetti della melanina a livello di salute generale? Già nel 1993, il ricercatore svedese Bengt Larsson aveva mostrato la sua particolare capacità di “catturare” sostanze chimiche come ammine, metalli e idrocarburi policiclici aromatici, presenti in farmaci o alimenti, rilasciandole poi lentamente in concentrazioni non tossiche.

Altri studi, invece, hanno messo in evidenza i benefici della melanina sia sulla salute epatica sia su quella gastrica, dove sembra proteggere dalle ulcere indotte da alcol, stress o antinfiammatori.

E poi c’è chi ipotizza un potere antitumorale, una forte azione antinfiammatoria e addirittura un effetto ipoglicemizzante.

 

La melanina-4-800x400

2. Per esempio, si dice che renda più efficienti le difese immunitarie. Qual è la relazione?

titolo2-300x180

Per esempio, si dice che renda più efficienti le difese immunitarie. Qual è la relazione? 

Alcuni studi condotti sui topi, a cui sono stati somministrati degli estratti di melanina, hanno dimostrato che questo pigmento è in grado di aumentare la produzione di interleuchina 1 e interferone gamma, due citochine (proteine) prodotte naturalmente dalle nostre cellule immunitarie in risposta agli agenti infettivi.

In futuro, questo potrebbe aprire nuove prospettive di ricerca.

Ma allora chi ha la carnagione molto chiara si ammala di più? Dirlo è prematuro e comunque va ricordato che ogni patologia rappresenta l’esito di più elementi scatenanti: predisposizione genetica, stile di vita, fattori ambientali. È difficile pertanto concludere che il solo fatto di avere minori quantità di melanina possa renderci più fragili e suscettibili alle malattie.

Questo vale anche per le persone che soffrono di vitiligine o albinismo, quindi? Sì, a oggi non abbiamo gli strumenti per dire che tali individui siano più esposti anche ad altre patologie. L’unica certezza è che la minore quantità di melanina viene correlata a un maggiore danno del sole sulla pelle, perché siamo meno protetti, quindi apre facilmente la strada ai tumori cutanei.

La neuromelanina, quella buona e protettiva, non viene stimolata dai raggi solari come quella cutanea, vero? Nel senso che esporci al sole è inutile in questa direzione?
Non lo sappiamo. I meccanismi di produzione della neuromelanina sono ancora poco chiari, anche se pare ci siano degli enzimi in comune con le altre forme cutanee.

 

La melanina-3-800x400

3. Ma non tutti ne abbiamo la stessa quantità...

titolo3-300x180

Ognuno di noi possiede una personale tonalità, variabile in funzione di qualità, quantità e distribuzione della melanina.

Queste sono influenzate dalla genetica individuale, ma anche dalla maggiore o minore esposizione ai raggi solari, per cui cambia fra le diverse popolazioni del mondo perché è frutto di un adattamento evolutivo.

Viene prodotta solo a livello cutaneo oppure la troviamo anche in altri organi o tessuti del corpo?

Sicuramente è presente a livello della retina e del cuoio capelluto, perché determina il colore dei nostri occhi e capelli. Inoltre, sorpresa, c’è anche nel cervello.

Chiariamo un concetto: la melanina non è una sola, perché ne esistono diverse tipologie. Le due forme principali sono l’eumelanina, di colore marrone-nero, e la feomelanina, dal tono giallo-rosso: la loro combinazione dà origine alle nostre tinte naturali, quelle di pelle, occhi e capelli.

Ma ne esiste anche una terza forma, la neuromelanina, sostanza molto scura che si trova in particolare all’interno di due aree cerebrali, la substantia nigra e il locus coeruleus, entrambe fondamentali nel campo delle patologie neuro-degenerative, perché spesso proprio qui troviamo alterazioni molto evidenti.

 

La melanina-8-800x400

4. Esiste un nesso fra un’alterata produzione di melanina e gravi patologie del sistema nervoso centrale, come Alzheimer o Parkinson?

titolo5-300x180

Esiste un nesso fra un’alterata produzione di melanina e gravi patologie del sistema nervoso centrale, come Alzheimer o Parkinson?

Oggi sappiamo che nella malattia di Parkinson vengono persi alcuni tipi di neuroni, molti dei quali si trovano proprio nella substantia nigra.

Ai giusti livelli, la neuromelanina potrebbe proteggere da questa degenerazione grazie alle sue proprietà antiossidanti, perché agisce da “scavenger”, cioè da spazzino molecolare che ripulisce dai radicali liberi.

Ciò significa che una carenza di questo pigmento potrebbe rendere il cervello più suscettibile all’accumulo di “rifiuti cellulari” potenzialmente neurotossici.

La melanina-7-800x400

Dunque la neuromelanina contribuisce alla salute cerebrale... Sì, almeno in condizioni normali.

Tuttavia, alcuni studi suggeriscono che quando i neuroni muoiono a causa della malattia di Parkinson o altre patologie la neuromelanina stimola la microglia (una tipologia di cellule che si occupano della difesa immunitaria del sistema nervoso centrale) a rilasciare sostanze tossiche che innescano un processo infiammatorio.

Questo determinerebbe la degenerazione e la morte di altri neuroni, contribuendo alla progressione della malattia. Ecco perché la messa a punto di inibitori della neuromelanina, in grado di bloccare l’attivazione della microglia, potrebbe rappresentare un nuovo obiettivo terapeutico contro la malattia di Parkinson.

 

La melanina-6-800x400





5. Esiste un modo per incrementare i livelli di melanina a nostro favore?

titolo4-300x180

Esiste un modo per incrementare i livelli di melanina a nostro favore?

Ci sono diversi integratori naturali a base di sostanze coinvolte nella sua sintesi, come la tirosina, arricchiti di vitamine, amminoacidi e sali minerali.

Ma la tirosina si può assumere anche con la dieta, perché ne sono ricchi alimenti come latticini, carne, pesce, uova, frutta secca, legumi, avena e grano. Inoltre, ovviamente, con l’arrivo della bella stagione, trascorriamo del tempo all’aria aperta ed esponiamoci al sole, sempre con la dovuta protezione.

Certi medicinali causano la formazione di macchie dopo l’esposizione solare. Come agiscono sulla produzione di melanina?

Alcuni farmaci, detti fotosensibilizzanti, “legano” la melanina, cioè la sequestrano e di conseguenza rendono certi tessuti del corpo più sensibili alla luce. È il caso, per esempio, di antinfiammatori molto comuni, come ketoprofene e naprossene, ma anche di antibiotici, tipo tetracicline e sulfamidici.

Altri medicinali invece intervengono direttamente nei processi di produzione della melanina, amplificandoli oppure diminuendoli.

È quello che avviene con la pillola anticoncezionale, in grado talvolta di provocare melasma, una condizione cutanea caratterizzata dalla presenza di chiazze scure sulla pelle del viso e dovuta proprio a un accumulo di melanina: è molto frequente nelle giovani donne e sembra dipendere da un innalzamento degli estrogeni nel sangue.

 

La melanina-5-800x400








Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici su Facebook
Hai qualche idea per un articolo su BEST5? Vai alla pagina dei suggerimenti e libera la tua fantasia!