Il Diabete Mellito: 5 domande e risposte molto utili da sapere

diabete mellito 1-800x400
   
    

Il Diabete Mellito: 5 domande e risposte molto utili da sapere BEST5.IT 2016-12-09 11:30:37
User Rating: 4.8 (1 votes)

Il glucosio è la fonte energetica principale del corpo.

Viene metabolizzato in vari prodotti attraverso diversi processi per produrre ATP o adenosina trifosfato, la moneta energetica principale del corpo.

Tuttavia, troppo di tutto è pericoloso, pertanto livelli di glucosio eccessivo nel sangue  prenderà il relativo tributo sulle cellule causando malattie, il più comune dei quali è il diabete mellito.

Il diabete mellito è una malattia cronica che è considerata come una delle molte malattie modificabili, insieme con ipertensione.

Un tipo modificabile di malattia è un disturbo che avrebbe potuto essere evitato attraverso l’adozione di uno stile di vita sano.

Mangiare una dieta equilibrata, esercizio di routine, e smettere di fumare sono solo alcuni dei fattori che compongono uno stile di vita sano.

La mancata osservanza di uno di questi fattori può portare ad uno stato di squilibrio che può eventualmente causare la malattia.

Il diabete mellito è una sindrome di malattie metaboliche che hanno tutti una cosa in comune: iperglicemia. La maggior parte dei sintomi e complicazioni di questa malattia può essere notevolmente attribuito ad un aumento dei livelli di glucosio nel sangue.

Sapere come si sviluppa il diabete e riconoscere i segni e i sintomi con cui si può manifestare in un individuo sono importanti passi verso il controllo e la prevenzione di questa malattia.

Oggi daremo risposta a 5 domande fondamentali relative al diabete mellito e cioè come si sviluppa, come si fa a sapere se si soffre di tale malattia, cosa fa l’insulina, quali sono le linee guida da seguire e come si possono controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Leggiamoli insieme.

LEGGI  Vivere in salute con gli antiossidanti

1. Come si sviluppa il diabete mellito?

Come si sviluppa il Diabete-300x180

Il colpevole principale di questa malattia è l'assunzione eccessiva di alimenti ricchi di carboidrati.

Riso, pasta, pane, torte, biscotti, frittelle, e tutto ciò che è addolcito sono solo alcuni di essi.

Lo sviluppo del diabete mellito può essere attribuita ad una ridotta utilizzazione del glucosio tale che le molecole di zucchero rimangono nel sangue.

Questi due fattori possono produrre un alto livello di glucosio nel sangue, una condizione che è clinicamente definita come l'iperglicemia.

Diabete mellito potrebbe anche derivare da una origine genetica. Questa variante di diabete mellito è chiamato diabete mellito tipo 1, in cui la distruzione delle cellule beta del pancreas porta a carenza assoluta di un ormone chiamato insulina.

Potreste aver già sentito parlare di insulina in quanto è utilizzato anche per il trattamento del diabete mellito. L'insulina è il principale ormone anabolico del corpo, il che significa che è coinvolto in vari processi.

Le sintesi di glicogeno, proteine e grassi sono tutti controllati da insulina. Adeguate quantità di questo ormone favoriranno la loro sintesi, mentre la carenza inclina il metabolismo verso la loro degradazione.

Nonostante le affermazioni di influenze genetiche, il diabete è in gran parte una malattia legata allo stile di vita. Più del 50% delle persone con diabete mellito di tipo 2, chiamato anche non insulino-dipendente, sono obesi.

Proprio come qualsiasi altra malattia, il diabete può essere controllato e prevenuto attraverso la moderazione. Basta fare le attività giuste con la giusta intensità, così come mangiare i giusti tipi e quantità di cibo.

Lo stile di vita è multifattoriale e l'esercizio fisico e la dieta sono solo alcuni dei suoi componenti. Modificare il proprio stile di vita non accade in un giorno.

Almeno inizialmente puoi concentrarti su un singolo componente alla volta, e poi integrare gli altri in seguito. Ma proprio come rompere una cattiva abitudine, modificare uno stile di vita non è così facile, e gli errori, purtroppo, non sono impossibili che  accadano.

2. Che cosa fa l'insulina?

Che cosa fa l'insulina-300x180

L'insulina favorisce l'assorbimento di glucosio da parte delle cellule del sangue.

La cellula che è più comunemente coinvolto in questo processo è la cellula del fegato, chiamato anche epatociti.

Queste cellule sono responsabili del metabolismo del glucosio, sia per la produzione sia per l'immagazzinamento di energia. 

Quindi, la presenza di insulina , le molecole di glucosio nel sangue verranno assorbiti , metabolizzati, e utilizzati per la produzione di energia. E 'anche in presenza di insulina che le molecole di glucosio in eccesso vengono convertiti in forma di stoccaggio, ossia il glicogeno.

I due principali siti di sintesi del glicogeno sono fegato e nei muscoli. Tuttavia, la sintesi di glicogeno può venire solo fino a un certo punto . Il fegato può ospitare solo 25 grammi di glicogeno.

Quindi, un po di glucosio può rimanere nel sangue nonostante la sintesi del glicogeno. Le cellule epatiche continueranno a immagazzinare glicogeno fino a quando è giunto il tempo per la sua composizione e il suo rilascio , che di solito si verifica in presenza di ipoglicemia , o una diminuzione dei livelli di zucchero nel sangue .

Con un livello di lunga-durata di glucosio nel sangue, l'insulina che viene secreto dal pancreas potrebbe non essere sufficiente per ripristinare i valori normali.

Questo sviluppa quindi resistenza all'insulina, uno stato metabolico in cui le cellule non rispondono più all'insulina. Questo è il motivo principale per cui non vi è alti livelli di insulina nel sangue nei diabetici.

Con l'insulino-resistenza e deficit, ed elevate livelli di zucchero nel sangue, il diabete si sviluppa presto.

Il sangue diventa viscoso o denso e il flusso di sangue non è più sufficiente per fornire le cellule con l'ossigeno e sostanze nutritive necessarie.

Questi meccanismi sono responsabili della maggior parte dei segni e sintomi di diabete mellito.

3. Come fai a sapere se hai il diabete?

Come fai a sapere se hai il diabete-300x180

  1. Le 3 P
    Le caratteristiche classiche del diabete sono le tre P: poliuria, polidipsia e polifagia.
    - Poliuria:  questo è più comunemente noto come aumento della frequenza urinaria. Il glucosio è una molecola osmoticamente attiva, cioè che ha il potere di tirare i fluidi dal compartimento intracellulare al proprio, che in questo caso, è lo spazio intravascolare o dei vasi sanguigni. Lo spostamento di fluidi è anche un meccanismo di compensazione del corpo per fluidificare il sangue e promuovere il flusso sanguigno “adeguato. Poiché i fluidi vengono spinti sul compartimento extracellulare, il volume di sangue raggiungendo i reni aumenta. Questo porta a velocità di filtrazione più alto e più frequente minzione.
    - Polidipsia. Oltre a perdere acqua a causa di poliuria, la polidipsia si verifica a causa dell'attivazione del organo che controlla la sete, l'ipotalamo. Sai già che il fluido si sposta dal intracellulare allo spazio extracellulare. L’osmosi poi esaurisce le cellule dei fluidi di cui hanno bisogno e attiva le osmocettori. Questi sono recettori sulle membrane delle cellule che intervengono in caso di disidratazione cellulare. I osmocettori inviano segnali all'ipotalamo, che a sua volta attiva la sensazione della sete stimando a bere acqua.
    - Polyphagia. A causa di un flusso di sangue più lento, la consegna di sostanze nutrienti alle cellule è compromessa, per non menzionare dell'incapacità della cellula di assorbire il glucosio. Nonostante le adeguate quantità di nutrienti nel sangue, l'interpretazione errata delle cellule si verifica, con conseguente a comportamento alimentare.
  2. Debolezza e fatica
    Questi due sintomi del diabete sono principalmente causati dalla riduzione del flusso sanguigno. Poiché il flusso di sangue è diminuito, il trasporto di ossigeno dai polmoni e dei nutrienti dal tratto gastrointestinale sono diminuiti. Ciò priva le cellule, specialmente quelle muscolari, delle fonti energetiche che porta poi a debolezza e affaticamento.
  3. Scarsa guarigione delle ferite
    Proprio come la debolezza e il affaticamento, la difficoltà di cicatrizzazione si verifica a causa di fornitura insufficiente di ossigeno e dei nutrienti alle cellule. La maggior parte dei pazienti che sono stati diabeti cronici si presantano con ulcere sulle parti distali delle loro estremità, chiamati infatti diabeti con ulcere del piede. Queste lesioni cutanee sono le più comuni fonti di infezione e la conseguente amputazione per i pazienti diabetici.

4. Quali sono le linee guida da seguire?

Quali sono le linee guida da seguire-300x180

  1. Prendilo con calma
    Modificare lo stile di vita non deve venire subito. Concediti del tempo. Più cerchi di realizzarlo nel più breve tempo possibile, più è facile fallire. Take it easy. Se ami mangiare dolci, è possibile iniziare a modificare la propria dieta diminuendo la quantità di dolci che si mangia in un giorno.
    Se si mangia dolci cinque volte al giorno, si può provare ad abbassare per tre volte al giorno la quantità, eliminando gli spuntini ad esempio. Non necessariamente li deve rimuovere tutti insieme.
    Se odi l'esercizio, non c'è bisogno di andare in palestra subito. Puoi avere il tuo semplice esercizio non usando il telecomando del televisore o parcheggiare l'auto in un posto che è un po 'più lontano dal tuo ufficio.
  2. Sviluppa la tua disciplina.
    Per essere in grado di controllare con successo se stessi ed evitare di afferrare un chilo di gelato, è necessario sviluppare l'autodisciplina prima. Sviluppa il tuo autodisciplina adottando una sana abitudine oggi e fallo ogni giorno. La consistenza è fondamentale per il suo sviluppo. Se tu fossi in grado di resistere con successo a una fetta di torta al cioccolato come dessert durante il pranzo,  devi essere in grado di resistere anche domani.
  3. Poniti degli obiettivi e impegnati a raggiungerli.
    Considera la modifica del tuo stile di vita come la strada verso una vita sana e lunga. Fai una lista delle cose che desideri modificare. Ami mangiare o odi gli esercizi fisici? Queste sono alcune delle cose che si potresti desiderare di modificare. Una volta che hai già individuato le cose che necessitano di modifica, puoi già fare dei piani su come fare per raggiungerli. Se sei solito  a mangiare 3 tazze di riso a pasto, si può puntare a diminuirlo per 1 tazza di riso a pasto.

La domanda successiva è: come hai intenzione di farlo?
Le tentazioni sono ovunque e queste sono le cose che ti fanno dimenticare i tuoi obiettivi. Devi cercare di evitarli il più possibile. Se sai che andare al tuo ristorante preferito ti fa desiderare il loro piatto “bestseller”, potresti semplicemente anche scegliere un altro posto per mangiare. Un negozio di torta sarebbe sicuramente fuori discussione. Non passare dalla strada dove il tuo negozio di torte preferito si trova sulla strada di casa. Esso servirà solo a rendere l'acquolina in bocca.

5. Come si possono controllare i livelli di zucchero nel sangue?

Come si possono controllare i livelli di zucchero nel sangue-300x180

Cambiare stile di vita il più delle volte inizia con una modificazione della dieta.

Ci saranno alcune riduzioni di alcuni dei tuoi cibi favoriti, e un aumento di alcuni degli alimenti che odi.

L'obiettivo della modificazione della dieta è quello di controllare i livelli di zucchero nel sangue, seguendo l'ABC del diabete mellito: A sta per A1c, chiamato anche l'emoglobina glicosilata, B sta per la pressione sanguigna, e C per il colesterolo.

  1. Glycosylated Hemoglobin (HbA1c)
    Emoglobina glicosilata è il parametro più affidabile per i livelli di zucchero nel sangue. Si misura la concentrazione di emoglobina vincolato dal glucosio per 3 mesi, che corrisponde alla durata di vita dei globuli rossi. Il valore normale è HbA1c inferiore al 7% e la maggior parte dei diabetici sono diagnosticati per avere 8-10% HbA1c.
  2. Pressione del sangue
    Il DM colpisce indirettamente la pressione del sangue attraverso il suo effetto sul sangue. Iperglicemia provoca ispessimento del sangue e il rallentamento del flusso sanguigno, che potrebbe esser male interpretato dalle cellule, come una diminuzione della quantità di sangue che il cuore pompa nella circolazione. Come un meccanismo di compensazione, il cuore lavora di più per aumentare la produzione.
    Un altro meccanismo con cui la pressione sanguigna è aumentata nel diabete mellito è un aumento del volume del sangue. Tu già sai degli spostamenti di liquidi dal compartimento intracellulare allo spazio intravascolare. Il conseguente aumento del volume del sangue aumenta la pressione sanguigna.
  3. Colesterolo
    La maggior parte delle persone con diabete mellito di tipo 2, chiamato anche  "non insulino-dipendente”, sono obesi. L'obesità è definita come un indice di massa corporea o BMI di 30 o più, che dovrebbe normalmente esser compreso tra 20 e 24,9.
    Indice di massa corporea è il rapporto tra il peso in chilogrammi (kg) per l'altezza in metri al quadrato (m2). Un aumento dei livelli di colesterolo nel sangue, come quello che si vede tra i pazienti obesi, può aggravare ulteriormente la propria pressione sanguigna elevata e sintomi del diabete.



Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici su Facebook
Hai qualche idea per un articolo su BEST5? Vai alla pagina dei suggerimenti e libera la tua fantasia!