Colloquio di assunzione: 10 consigli utili da rispettare religiosamente!

Colloquio di assunzione2-800x400
   
    

Colloquio di assunzione: 10 consigli utili da rispettare religiosamente! BEST5.IT 2017-09-20 12:42:38
User Rating: 4.9 (3 votes)

In 10 secondi di giochi l’assunzione…

Al colloquio questo è il tempo che occorre a un selezionatore per inquadrare il candidato e fare la sua valutazione.

Non tutti se ne rendono conto, ma a un colloquio di lavoro si viene “inquadrati” nei primi 10-15 secondi, durante i quali, quindi, fare uno scivolone può essere fatale.

Per evitare scivoloni che potrebbero essere fatali, ecco 10 consigli molto utili  da rispettare religiosamente!

LEGGI  5 orologi femminili da sogno (2014 - 2015)

1. Scrivi bene il curriculum ed evita sviste nell'intestazione

Scrivi bene il curriculum-300x180

  • 1) Scrivi bene il curriculum
    Il cosiddetto CV (curriculum vitae) è il biglietto da visita che precede il colloquio vero e proprio. Non deve contenere errori né refusi.
    Si presenta male anche se è vago o prolisso, se è scritto con caratteri troppo piccoli e poco leggibili o troppo grandi.
    È fondamentale che sia veritiero e che rispecchi le reali capacità del candidato.
    Un esaminatore esperto capisce subito lo spessore del candidato e le discrepanze rispetto a ciò che ha messo in evidenza nella sua presentazione.
    La lunghezza massima consentita è di 3 pagine: dilungarsi oltre non serve. Soprattutto per le figure professionali di alto livello, per le quali più del CV conta l’incarico che si ricopre al momento e l’azienda in cui si lavora.
  • 2) Evita sviste nell'intestazione
    Sembra impossibile, ma la lettera motivazionale, scritta per accompagnare e dare valore aggiunto al CV, è spesso soggetta a sviste clamorose.
    È il caso per esempio di chi, indirizzando la propria candidatura a più società, nell’intestazione della lettera cambia il nome dell’azienda ma non quello della persona di riferimento.
    Una svista di questo tipo pregiudica irrimediabilmente la candidatura in quanto rivela una persona superficiale che non cura i dettagli fondamentali e che tantomeno si identifica nell’azienda per cui si candida.
    La lettera motivazionale dev’essere sintetica (al massimo mezza pagina) e contenere le vere motivazioni che spingono lo scrivente a fare la sua domanda.
    Va indirizzata a un nominativo specifico affinché il selezionatore abbia l’impressione di trovarsi davanti a una persona bene informata.

2. Vestiti in modo adeguato e non farti sfuggire parolacce

Vestiti in modo adeguato-300x180

  • 3) Vestiti in modo adeguato
    Il termine inglese standing (letteralmente: reputazione, status, livello della persona) qualifica il candidato per come si presenta e si comporta e riunisce l’abbigliamento, la pettinatura, il frasario e il linguaggio del corpo.
    I selezionatori danno molta importanza allo standing che la persona mostra affrontando un’esperienza come un colloquio di lavoro.
    Non è solo questione di che cosa si indossa, ma di come lo si indossa. Posto che gli abiti devono essere puliti e stirati, il punto per il selezionatore è se il candidato mostra coerenza fra l’abbigliamento, i pensieri e l’espressione linguistica.
    È quindi inutile presentarsi in giacca e cravatta se una volta assunti non le si indosserà in modo regolare.
    Meglio che il candidato si presenti nel suo abbigliamento abituale, ma che faccia mostra di una assoluta disinvoltura.
    Restano assolutamente sconsigliati certi look estremi e l’esibizione di piercing, tatuaggi, pettinature rasate o “a cresta gallo”.
    Se in certi team (per esempio una squadra di calcio) possono andare bene, in ufficio sono da evitare.
    Senza contare che in alcuni ambiti, come le Forze dell’ordine, sono vietati.
  • 4) Non farti sfuggire parolacce
    Lasciarsi sfuggire la parola con due zeta durante il colloquio non significa essere moderni o spigliati: è solo sconveniente per l’occasione.
    Bisogna essere coscienti che ci si trova in una situazione formale. Indipendentemente dal ruolo per il quale ci si candida, ci si deve esprimere in toni e modi adeguati.
    Anche se il selezionatore “forza” il linguaggio per mettere alla prova il candidato, questi deve sempre mantenere un contegno educato e formale.

3. Stringi la mano di chi incontri senza stritolarla, arriva puntuale e chiama il selezionatore con il suo nome corretto

Stringi la mano di chi incontri-300x180

  • 5) Stringi la mano di chi incontri senza stritolarla
    Il tuo corpo può tradirti, mettendo a nudo il tuo disagio o nervosismo.
    Vanno evitati i seguenti errori: non guardare il recruiter negli occhi, gesticolare troppo, assumere una postura “fantozziana” e avere una stretta di mano troppo debole o troppo forte.
    Una stretta di mano troppo debole tradisce un atteggiamento rinunciatario o un desiderio di mantenere il distacco, mentre una stretta troppo forte può essere considerata un’ostentazione di sicurezza se non addirittura segno di arroganza.
    Prepararsi al colloquio leggendo libri sul linguaggio del corpo è poco utile perché i selezionatori esperti sanno bene come interpretare e stimolare i meccanismi della comunicazione non verbale.
    Fondamentale indice di sicurezza è guardare sempre negli occhi l’interlocutore, distribuendo lo sguardo fra le eventuali altre persone presenti al colloquio.
    In fine, è bene mettere in conto qualche domanda personale (ad esempio: “Lei ha un partner?”), fatta appositamente per misurare l’emotività del candidato che può tradirla con sudorazione, rossori o altre reazioni fisiche non controllabili.
  • 6) Arriva puntuale
    Presentarsi al colloquio in ritardo è una grave mancanza di rispetto e rivela maleducazione e inaffidabilità.
  • 7) Chiama il selezionatore con il suo nome corretto
    Può sembrare impossibile, ma può capitare che diversi candidati che per tutta la durata dell’intervista chiamano chi avevano di fronte con un nome sbagliato.
    Va da sé che non si erano adeguatamente informati né sulla persona con la quale avrebbero avuto il colloquio né sull’azienda per cui si candidavano, dimostrando superficialità, incuria e scarso o nullo coinvolgimento nel progetto.

4. Non dire che sai fare tutto, parla bene dei colleghi e sii equilibrato quando parli di soldi

Non dire che sai fare tutto-300x180

  • 8) Non dire che sai fare tutto
    Pur di ottenere un lavoro si arriva a inventare di averne fatti altri che in realtà non si sono fatti assolutamente.
    Attenti: un esaminatore esperto afferra subito la concretezza del candidato.
    Chi ascolta deve avere un’idea precisa di che cosa siamo effettivamente in grado di fare.
    Studi svolti a partire dal 2000 ai quali dobbiamo la creazione del cosiddetto bilancio di competenze (un percorso di test psicologici che analizza le caratteristiche personali dei candidati) hanno evidenziato che a parità di curriculum si aggiudica il lavoro chi usa un linguaggio concreto.
    Ne è un esempio chi, alla domanda: “Cosa faceva nella sua vecchia azienda?”, descrive in modo preciso le sue mansioni e la sua giornata-tipo.
    "Il candidato che di fronte a questa domanda rimane nel vago viene invariabilmente scartato", ammoniscono gli psicologi, "in quanto non dà un’immagine concreta delle sue capacità".
  • 9) Parla bene dei colleghi
    Criticare i colleghi non è serio e nemmeno rivelare informazioni riservate sulla ditta in cui lavoravi prima.
    Chi ti ascolta non può che desumere che in futuro farai lo stesso con la società da cui stai cercando di farti assumere ora.
  • 10) Sii equilibrato quando parli di soldi
    Sei l’ultimo arrivato: bando quindi all’arroganza e al dettare inflessibilmente le tue richieste economiche.
    Ma sarebbe altrettanto sbagliato accettare tutto incondizionatamente perché faresti pensare a chi hai di fronte che sei “alla canna del gas”.
    Mantieni quindi un profilo medio dignitoso, facendo valere i tuoi diritti senza cadere negli eccessi.

5. Un CV si legge in soli 6 secondi, intervista lampo e "dimmi come firmi e ti dirò chi sei"

Un CV si legge in soli 6 secondi-300x180

  • Un CV si legge in soli 6 secondi
    Secondo lo studio Keeping An Eye On Recruiter Behavior (un occhio al comportamento dei selezionatori), i selezionatori leggerebbero un CV in soli 6 secondi!
    Lo studio si è servito della nuova tecnica dell’Eye Tracking (seguire l’occhio), che registra il tempo in cui il soggetto fissa lo sguardo mentre legge o svolge un lavoro.
    Quella dei 6 secondi è una teoria recente; prima si parlava di 180 secondi. È vero che la prima impressione conta, ma un bravo recruiter deve indagare oltre.
    Potrebbero esserci fattori che impediscono al candidato di esprimersi bene nei primi istanti: l’emozione, trovarsi di fronte a situazioni inaspettate, subire la personalità del selezionatore, essere soggiogato dalla bellezza dell’esaminatrice.
    Fattori che però non dipendono dalla struttura della persona, ma dalla contingenza. Dunque, un bravo selezionatore non fa l’errore di decidere tutto nei primi secondi.
  • Intervista lampo
    Si chiama speed interview ed è un colloquio-lampo, con tanto di giudizio finale, che si svolge in 5 minuti.
    In pratica ogni candidato ha a propria disposizione questo lasso di tempo per far colpo sui selezionatori fra una miriade di concorrenti.
    Si tratta di una prima selezione, che prelude a un eventuale secondo colloquio più approfondito.
    Di stampo americano, è chiamato anche Elevator Pitch (discorso di autopromozione da ascensore) perché è nato dall’immaginare di trovarsi in ascensore con Bill Gates, fondatore di Microsoft, e di doverlo convincere delle proprie capacità da un piano all’altro.
    Non è solo importante che cosa si dice, ma come lo si dice. Bisogna esprimersi con forza e coerenza.
    Bando quindi ai troppi “cioè”, alle pause di silenzio, al perdere il contatto visivo con i selezionatori, alla voce troppo bassa o troppo alta.
    Da come il soggetto si comporta in quel momento si possono valutare alcune caratteristiche della sua personalità, come per esempio la propensione alla leadership, la capacità comunicativa e quella di reggere lo stress.
  • Dimmi come firmi e ti dirò chi sei
    Dalla nostra firma (nome e cognome leggibili), un esperto di grafologia può cogliere molte informazioni su di noi.
    A un colloquio di lavoro l’analisi grafologica, molto in voga anni or sono in Francia, permette infatti ai selezionatori di andare oltre la prima analisi razionale del CV e delle esperienze lavorative elencatevi.
    La firma rivela informazioni di tipo più nascosto e inconscio. Per cominciare, la grandezza dell’iniziale del nome deve corrispondere a quella del cognome.
    Se le dimensioni dell’iniziale del nome sono esagerate rispetto a quelle del cognome, vuol dire che la persona è molto più centrata sulla propria individualità che sull’appartenenza a un gruppo.
    Chi invece esalta l’iniziale del cognome, talvolta, addirittura contraendo il nome, è un individuo molto connesso alla famiglia e alla comunità di appartenenza, con potenziali buoni presupposti per il lavoro di gruppo.



Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici su Facebook
Hai qualche idea per un articolo su BEST5? Vai alla pagina dei suggerimenti e libera la tua fantasia!